Otros Aires – Niebla del Riachuelo.

…pura poesia tanguera….

Torbido ancoraggio dove vanno a finire
le navi che sul molo per sempre resteranno…
Ombre che si allungano nella notte di dolore;
Naufraghi del mondo, che hanno perduto il cuore…
ponti e sartiame, dove il vento arriva ululando,
navi carbonere che non salperanno mai…
Torvo cimitero di navi moribonde che

sognano tuttavia di partire verso il mare…

NEBBIA DEL RIACHUELO
AGGRAPPATO AL RICORDO
CONTINUO A SPERARE
NEBBIA DEL RIACHUELO
DEL SUO AMOR PER SEMPRE
MI ALLONTANI
MAI PIÚ TORNÓ
MAI PIÚ LA VIDI
MAI PIÚ LA SUA VOCE NOMINÓ IL MIO NOME VICINO A ME
E LA STESSA VOCE CHE DISSE: ADDIO!

Sogna marinaio con il tuo vecchio brigantino,
bevi la tua nostalgia nella sordida taverna…
Piove sul porto, mentre canto la mia canzone,
piove lentamente sulla tua desolazione…
Ancore che mai, mai più salperanno,
vele di barconi senza ormeggi da lasciare,
triste carovana senza destino ne illusione,
come la nave prigioniera in bottiglia…

Informazioni su el piantao

Musicalizador
Questa voce è stata pubblicata in Tango. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...